#iorestoacasatraining

Siamo in un periodo molto particolare e tutti noi sportivi abbiamo perso la “via”, tutte le nostre uscite e i nostri programmi sono stati spostati nei vari cassetti e sembrano ormai dei sogni.
Ma è proprio oggi che NON dobbiamo lasciarci andare e dobbiamo continuare ad allenarci!
Nel periodo più difficile, più freddo e più lungo abbiamo costruito la prima parte della preparazione e oggi dobbiamo continuarla, ma come?
Abbiamo tantissime possibilità, tutto dipende solo ed unicamente dalla nostra voglia. Non abbiamo scuse. Siamo chiusi in casa, ma la tecnologia, la musica, i mezzi meccanici o solo il “tappeto di casa” possono venire in nostro soccorso.
Vorremmo suggerirvi 3 tipi di allenamento diversi:

  1. Esercizi di potenziamento
  2. Esercizi di stretching
  3. Allenamento aerobico

IMPORTANTISSIMO: prima di qualsiasi allenamento è fondamentale il RISCALDAMENTO.
L’allenamento, che sia di carattere amatoriale o professionistico parte dal riscaldamento, sempre.
Dobbiamo risvegliare in maniera armonica tutto il corpo e la mente. Come? Semplice: vado a muovere il corpo e tutte le parti che andrò a stimolare in maniera blanda, lenta e, come dicevamo sopra, armonica; non dobbiamo sforzarci, solo aiutare il corpo a muoversi. Possiamo saltare la corda, fare dei piccoli saltelli sul posto, oppure rimanere sul posto muovendo le braccia e simulando il movimento del nuoto. Il tutto deve durare almeno 5-10 minuti.

  1. Potenziamento? Si, possiamo fare tutto da casa o nel nostro giardino.

    Cerchiamo gli esercizi che più ci piacciano su YouTube e internet, ma ricordiamoci di sceglierli sia per la parte superiore del corpo sia per la parte inferiore. Un esempio facile? Saltellare sul posto per 15’’ a piedi uniti, 15’’ a gambe divaricate oppure saltare su un piede per 5″ e poi 5″ sull’altro piede.
    Dopodiché si recupera in base allo stato di forma da 1 a tre minuti e poi si ripete l’esercizio – questo per 3 volte.
    Importante: facciamo quello che più ci piace e prendiamo nota di quanto fatto per tenere d’occhio i miglioramenti e avere una base da cui partire.
    L’obiettivo? Muoversi, bruciare calorie e ogni giorno aumentare i secondi di allenamento.
    Alla fine di questo periodo arriveremo a fare le flessioni come… Rambo! Ma ricordiamoci: esercizi per tutto il corpo. Dobbiamo utilizzare tutti i muscoli sia per un miglioramento della forza muscolare sia per una definizione della massa muscolare.
    Non serve passare ore: 20 – 30 minuti fatti bene possono bastare e ricordiamoci che siamo all’inizio, non dobbiamo strafare, la costanza premierà!

  2. Stretching

    fino a poco tempo fa, molti non lo consideravano una fase dell’allenamento, ma una perdita di tempo. Grandissimo errore. Oggi è universalmente riconosciuto come un’attività basilare per il mantenimento di uno stato sciolto e disinvolto della flessibilità e della mobilità corporea. Nato in America, si è poi diffuso in tutto il mondo e ogni giorno riscopriamo nuovi esercizi e utilizzi.
    Lo stretching aiuta il corpo a sentirsi più giovane ed elastico, a migliorare i nostri movimenti e posture quotidiani ed è praticabile ovunque.
    I risultati migliori sono raggiungibili se perseguiti con costanza ed impegno e il progressivo miglioramento della flessibilità muscolare, man mano che ci si allena, è sicuramente un elemento molto motivante per continuare. Grazie allo stretching diventa quindi possibile ritrovare le posture corrette, esprimere al massimo la potenzialità dei muscoli agonisti e liberare il fisico dallo stress e dalle tensioni. Anche qui consigliamo di navigare in rete per avere una idea dei vari esercizi e posizioni.
    Queste le regole base:

      • Usiamo un abbigliamento comodo, che permetta di muoversi liberamente e non ostacoli la respirazione.
      • Manteniamo la posizione per un tempo che va da 15 a 30 secondi.
      • L’allungamento non deve in alcun caso causare dolore.
  3. Allenamento aerobico indoor

    Il mercato offre oggi diversi strumenti/macchinari per eseguire allenamenti indoor di “forte” impatto aerobico, esempio tapis roulant, rulli, cyclette, spin-bike, vogatori ecc…
    Alcuni sono addirittura “smart devices”, ovvero collegabili ad internet o ad app specifiche che fanno diventare i nostri allenamenti quasi reali attraverso ottime grafiche, diverse ambientazioni e la possibilità di allenarsi con altri atleti!

 

Al di là delle possibilità e innovazioni tecnologiche vogliamo darvi qualche consiglio:

  • Creiamo nel limite del possibile un ambiente ideale, dedicato all’attività.
  • Inseriamo un ventilatore per non avere mai temperature sopra i 18-20 gradi
  • Teniamo a portata di mano un asciugamano.
  • Riempiamo una borraccia per idratarci regolarmente.
  • Indossiamo un abbigliamento comodo e leggero per permettere al corpo di muoversi con facilità.

E ora? BUON ALLENAMENTO!


Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *